Gradara

Gardara: magia medievale

STORIA

Gradara ha origini molto antiche testimoniate anche dall’arco che apre l’ingresso al caratteristico borgo, sicuramente più arcaico delle mura che probabilmente risalgono all'età romana. Camminando lungo le mura che contengono il centro, si gode, soprattutto nelle serate estive, di un panorama davvero splendido. Anche la splendida Rocca di quLa stanza di Francesca citata da Danteesto incantevole borgo fu costruita dalla famiglia Malatesta; la Cappella del palazzo conserva una «Madonna e Santi» in terracotta di Andrea Della Robbia. Ma Gradara è conosciuta soprattutto per il suo strettissimo legame al poema dantesco e al «galeotto fu il libro e chi lo scrisse» con cui si dà inizio all'appassionante e vorticosa storia d’amore e di morte di Paolo e Francesca.

Cucina: nei ristorantini di gradara potrete assaporare tutte le specialità che fanno parte della tradizione culinaria delle Marche e della Romagna.

Vini: Buono e di ottima qualità il Sangiovese e anche il Trebbiano.

Souvenir: potrete fare la scorta delle ceramiche e delle tele stampate carateristiche della zona.Gli splendidi fuochi durante l'Assedio al Castello

I dintorni
: dalle colline di Gradarasi raggiunge facilmente la splendida insenatura della Baia di Vallugola e il borgo di Casteldimezzo.

Informazioni: il paese di Gradara mette a disposizione dei turisti tanti hotel di ottima qualità, ideali per passare una vacanza immersi nel passato, senza però rinunciare alle tante comodità e ai numerosi servizi.

Hotel a cattolica